Celebrazioni 25 Aprile – Commemorazione Caduti Kazaki per la liberazione d’Italia

Gallery

This gallery contains 13 photos.

Sabato 25 aprile 2015, si è svolta la commemorazione dei Caduti kazaki per la liberazione di Trieste, al cimitero ex Militare. L’ambasciatore Andrian Yelemessov, accompagnato dal console onorario Luca Bellinello, ha accolto il folto gruppo di Autorità sia militari che … Continue reading

COMMEMORAZIONE DEI CADUTI KAZAKI PER LA LIBERAZIONE D’ITALIA

La Cerimonia al Cimitero Ex Militare di Trieste in occasione del 70° Anniversario della Liberazione rinsalda il legame tra il Friuli Venezia Giulia e il Kazakhstan

Sabato 25 aprile alle ore 9.30, si svolgerà al Monumento alla Memoria dei Caduti Kazaki nel Cimitero Ex Militare di Trieste, la Commemorazione dei Caduti Kazaki nella lotta antinazista per la Liberazione d’Italia.

Alla cerimonia, organizzata dall’Ambasciata della Repubblica del Kazakhstan in Italia e dal Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan a Trieste in collaborazione con il Comune di Trieste, presenzieranno S.E. Andrian Yelemessov, Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica del Kazakhstan in Italia, accompagnato dal dott. Luca Bellinello, Console Onorario della Repubblica del Kazakhstan per la Regione Friuli Venezia Giulia, il Sindaco di Trieste Roberto Cosolini e le organizzazioni di ex Partigiani. Inoltre sono attese sia le Autorità Civili e Militari della Regione che i rappresentanti diplomatici delle Repubbliche ex Sovietiche presenti in Italia.

A cerimonia conclusa l’Ambasciatore Yelemessov e il Console Onorario Bellinello presenzieranno alla Solenne Commemorazione alla Risiera di San Sabba.

Il Monumento e il legame tra Trieste e il Kazakhstan monumento kazaki Il Monumento alla Memoria dei Caduti Kazaki per la Liberazione d’Italia è stato inaugurato cinque anni fa, il 25 aprile 2010 e al momento continua ad essere l’unico monumento di proprietà della Repubblica del Kazakhstan in un Paese straniero. La costruzione è stata voluta e realizzata dall’Ambasciata kazaka in Italia a seguito di una richiesta formulata, qualche anno prima, da un veterano della II Guerra Mondiale, lo scrittore kazako Issabay Kalmukana, che chiedeva di poter individuare il luogo di sepoltura di 10 soldati kazaki inquadrati nel battaglione russo del IX Corpus della 18° brigata della Armata Popolare di Liberazione della Jugoslavia (NOAYU) caduti eroicamente in battaglia su di un ponte sul fiume Vipacco. Dalle ricerche condotte è emerso che all’inizio del 1944, nel IX Corpus della 18° Brigata del NOAYU si formò una battaglione di soldati sovietici, prevalentemente fuggiti dai campi di sterminio nazisti e aggregati al movimento di partigiani della zona, comandante di questo battaglione fu nominato l’ex-sergente dell’Armata Rossa il kazako Boyesen Raisov, di 23 anni.Il battaglione sovietico sotto il suo comando si distinse ripetutamente per coraggio ed eroismo, come descritto nelle cronache dell’epoca e confermato dalla popolazione locale. Uno di questi fu proprio l’episodio dei 10 soldati kazaki ricordati da Issabay Kalmukana che, impegnati in un servizio di ricognizione nei pressi del fiume Vipacco, nell’aprile del 1945, riuscirono ad annientare – in uno scontro impari – un’intera compagnia della Wehrmacht (composta da 150 soldati) sacrificando tutti e dieci la propria vita. In totale sono stati censiti 104 soldati sovietici, caduti nella guerra di liberazione nella zona di Trieste e Gorizia e di questi ben 36 erano kazaki, i loro nomi sono scolpiti sul Monumento al Cimitero ex Militare di Trieste.

ELEZIONI 26 Aprile 2015

Annuncio

Con decreto presidenziale №1018 del 25 Febbraio, 2015 il giorno 26 aprile 2015 è stato stabilito come giorno delle elezioni anticipate del Presidente della Repubblica del Kazakhstan. I Cittadini del Kazakhstan, residenti in Italia, possono partecipare alle elezioni utilizzando un seggio elettorale sito presso l’Ambasciata della Repubblica del Kazakhstan al seguente indirizzo: Roma – Via Cassia, 471 dalle ore 7.00 alle ore 20.00. Si rammenta di portare con sé il proprio passaporto. Nel giorno delle elezioni sarà organizzato il ricevimento dei cittadini del Kazakhstan sulle questioni consolari ed altre. Il ricevimento sarà effettuato dall’Ambasciatore della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana A.Yelemessov (dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.00) e dal Console della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana A.Ayubayev (dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 17.00). Per eventuali chiarimenti in merito alle modalità di partecipazione alle votazioni e per prendere l’appuntamento per il ricevimento, si prega di contattare via e-mail: elezione.kaz@gmail.com o chiamare al numero: 0636301130.

Хабарландыру

Елбасының 2015 жылғы 25 ақпандағы№1018 жарлығына сәйкес Қазақстан Республикасы Президентінің кезектен тыс сайлауы 2015 жылдың 26 сәуіріне тағайындалды. Италияда тұрақты тұратын Қазақстан азаматтары сайлауға ҚР-дың Римдегі Елшілігінің жанындағы сайлау учаскесінде сағат 7.00-ден 20.00-ге дейін Via Cassia, 471 мекен-жайында қатыса алады. Дауыс берушілерде төлқұжат болуы міндетті. Сайлау өтетін күні Қазақстан азаматтарын консулдық және басқа сұрақтар бойынша қабылдау өткізіледі. Қабылдауды ҚР Италиядағы Елшісі А.Елемесов (қабылдау уақыты: 10.00-12.00; 15.00-18.00) пен ҚР Италиядағы консулы А.Аюбаев (қабылдау уақыты: 9.00-13.00; 15.00-17.00) жүргізеді. Дауыс беруге қатысуға және қабылдауға тіркелу бойынша байланысты сұрақтар болса, elezione.kaz@gmail.com электрондық мекен-жайға немесе 0636301130 телефонына хабарласуларыңызды сұраймыз.

 «Қазақстан Республикасындағы сайлау туралы»

Мемлекет басшысының 25 ақпандагы № 1018 Жарлығына сәйкес 2015 жылғы 26 сәуірде Қазақстан Республикасының Президенті сайлауы белгіленді. «Қазақстан Республикасындағы сайлау туралы» Қазақстан Республикасы Конституциялық Заңының 23 бабына сәйкес ҚР шет елдердегі мекемелері жанында 65 учаскелік сайлау комиссиялар құрылды. Заңның 25 бабы 1 тармағына сәйкес шет мемлекеттердегi Қазақстан Республикасының өкiлдiктерi жанындағы сайлау учаскелерi бойынша тиiстi шет мемлекетке жеке шақыру бойынша, қызметтік, іскерлік және туристік сапарға келген Республика азаматтары учаскелiк сайлау комиссиясына өтініш жасаған жағдайда және олардың Қазақстан Республикасы азаматы деген жарамды паспорты болса, сайлаушылар тiзiмiне енгізіледi. 41 бабтың 6 тармағына сәйкес сайлаушылардың жазбаша өтініштері бойынша учаскелік сайлау комиссиясы ел ішінде тасымалданатын жәшiктерді қолдану арқылы көшпелі сайлау ұйымдастыруға тиiс. Сайлау 26 сәуір күні жергілікті уақыт бойынша сағат 07.00 ден 20.00-ге деін сайлау учаскелерінде өткізіледі. Заңның 28 бабына сәйкес, аталған учаскелердің бөлмелерінде Президенттікке үміткерлер жөнінде және басқа да қосымша ақпаратпен танысуға болатындығын қосымша хабарлаймыз.

Il Kazakhstan al MITTELFEST 2014

ALMA_ATA Spettacolo di danza e performance contemporanea parte del progetto “ROD – Three Units on Kazakhstan” di scambio e cooperazione interculturale fra Italia e Kazakhstan 26 luglio ore 23 MITTELFEST, Chiostro di San Francesco, Cividale del Friuli

Una performance in bilico tra Asia ed Europa alla ricerca di un comune futuro Dopo il successo della Première al Festival Mirabilia in Piemonte, ALMA_ATA sarà a Mittelfest il 26 luglio nella sezione “Segnali d’oggi” in debutto regionale per il Friuli-Venezia Giulia.

ALMA_ATA propone un assemblaggio artistico di materiale performativo, coreografico e visivo raccolto nel corso di due anni di scambi interculturali tra Italia e Kazakhstan da parte degli artisti italiani e kazaki del gruppo ROD.

Allo spettacolo prendono parte otto performer e danzatori, un artista visivo e il noto musicista kazako Yedil Khussainov. Tutti collaborano con il direttore artistico e coreografo Tommaso Monza alla messa in scena focalizzando le loro impressioni ed emozioni sui due Paesi, con particolare attenzione alla città di Almaty (ALMA_ATA in riferimento all’antico nome). Lo spettacolo prende le mosse dalle affinità e differenze culturali tra Italia e Kazakhstan e indaga in ambito storico, geografico, culturale e psicologico le relazioni tra i due Paesi legati da un crescente interesse reciproco in ambito turistico, culturale e commerciale (il Kazakhstan ospiterà Expo 2017). Alla cerniera tra Asia ed Europa, il Kazakhstan è un territorio sterminato dove sorgono città ultramoderne nel cuore di sconfinate steppe. Il Paese ha alle spalle una storia travagliata e sta cercando un’identità anche attraverso l’antica cultura nomadica. Il confronto tra la nostra civiltà millenaria, che ha lasciato evidenti tracce come monumenti, chiese e biblioteche, e una civiltà ancor più antica ma nomadica, dove solo nel 1854 è sorta la prima città (Almaty), offre l’opportunità di cogliere inattese somiglianze e feconde differenze che trovano nella performance ALMA_ATA una lacerante evidenza. Il direttore artistico, Tommaso Monza, dice: ”In Kazakhstan é ancora molto viva la radice nomade e anche chi vive in città si identifica, più che con i luoghi come accade in Europa, con la propria tradizione e con la danza della propria gente. Dopo essere stato con i miei collaboratori ad Almaty, nel settembre 2013, mi sono focalizzato sulla creazione di uno spettacolo che potesse restituire un po’ della nostra esperienza. I ragazzi kazaki ci hanno mostrato subito la danza tradizionale della loro gente d’origine e quella nazionale, questo ci ha sbilanciato: qual è la nostra danza? Perché noi non ci identifichiamo in una danza? Passi e musica che per loro valgono come monumenti di pietra: la loro storia”. E la performance ALMA_ATA racconta tutto questo Il musicista Yedil Khussainov è nato ad Almaty (Kazakhstan) nel 1955 in una famiglia di musicisti. Si è laureato al Conservatorio di Stato ad Almaty in composizione musicale. Ha lavorato al Conservatorio Nazionale Kurmangazy di Almaty e all’Accademia Nazionale d’Arte Zhurghenov, attualmente insegna presso l’Università Kazaka d’Arte di Astana ed è membro dell’Albo dei Compositori del Kazakhstan e del CIS. Khussainov suona magistralmente gli antichi strumenti musicali kazaki: zhetygen, sybyzghi, saz-sarnay, kamys-sarnay, shan-kobyz e altri. Inoltre ha sviluppato una particolare tecnica per il canto di gola.Negli anni Yedil Khussainov ha suonato in sale prestigiose in tutto il mondo e collaborato con celebri musicisti. Ha inciso CD, ha scritto e eseguito le colonne musicali per tre film kazaki. Ha creato il balletto di due atti Kok-Bori Kultegin (2010). Dal 2007 fa parte del progetto “The Magic of Nomads”.

Con il supporto di: Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan a Trieste, Accademia Nazionale d’Arte Zurghenov-Almaty, Associazione Culturale Correnti-Milano; Nautec Mare S.r.l; Ocean Marine S.r.l.

Si ringraziano: Ambasciata della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana, Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan a Torino, Artbat Fest / Eurasian Cultural Alliance (Kazakhstan); Centro Studi “Italia” – Comitato “Dante Alighieri”, Almaty; Fondazione Piemonte dal Vivo; Festival Mirabilia; Prof. Alessandro Pontremoli, corso di laurea in Dams, Università degli studi di Torino; Prof. Gaetano Oliva, dipartimento di italianistica e comparatistica, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; ArtedanzaE20; Opificio delle Idee, Rovereto; MART – Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto Lo spettacolo è coprodotto da Progetto Rod e Compagnia Abbondanza/Bertoni. Circuito Piemonte dal Vivo collabora alla distribuzione. alma_ata

Dal 15 luglio 2014 non più necessario il visto per viaggiare in Kazakhstan

visa of a Republic of Kazakhstan

L’Ambasciata della Repubblica del Kazakhstan comunica che, al fine di rafforzare le relazioni bilaterali di partenariato, e per migliorare le condizioni di viaggio per gli imprenditori stranieri e per i turisti, il Governo della Repubblica del Kazakhstan ha liberalizzato per un anno – dal 15 luglio 2014 al 15 luglio 2015 –  il regime d’ingresso nel territorio kazako per i cittadini dell’Italia, dell’USA, dei Paesi Bassi, della Gran Bretagna, della Francia, della Germania, della Malesia, degli Emirati Arabi Uniti, della Repubblica di Corea e del Giappone.

Nel periodo indicato, i cittadini di questi 10 paesi, in possesso di passaporti diplomatici, di servizio e nazionali validi, potranno entrare, uscire e transitare sul territorio della Repubblica del Kazakhstan senza il visto per un periodo massimo di 15 giorni dal momento di attraversamento della frontiera.

Mentre, per permanenze superiori ai 15 giorni in territorio kazako, i cittadini stranieri dovranno essere muniti del regolare visto che continua ad essere rilasciato dalla Sezione Consolare dell’Ambasciata a Roma.